Neuro e Psicomotricità dell'età evolutiva

Chi è il Terapista?

Il Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva (TNPEE) è l'operatore sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante svolge, in collaborazione con l'équipe multiprofessionale di neuropsichiatria infantile e in collaborazione con le altre discipline dell'area pediatrica, gli interventi di prevenzione, terapia e riabilitazione delle malattie neuropsichiatriche infantili, nelle aree della neuro-psicomotricità, della neuropsicologia e della psicopatologia dello sviluppo (fascia di età 0 - 18 anni).
Il TNPEE progetta interventi riabilitativi individuali e di gruppo basati sulle caratteristiche e le specificità del singolo bambino.

 

Gli ambiti di intervento riguardano:

  • Disturbi e ritardi dello sviluppo neuro psicomotorio;
  • Disturbi della Coordinazione Motoria;
  • Ritardi Cognitivi;
  • Disturbi dello Spettro Autistico;
  • Patologie Neuromotorie (Paralisi Cerebrali Infantili, Epilessia) e Neuromuscolari (Distrofie);
  • Sindromi Genetiche;
  • Iperattività e Deficit dell’Attenzione;
  • Disturbi della Condotta e del Comportamento;
  • Disturbi dell'apprendimento (dislessia,disortografia, disgrafia, discalculia);
  • Minorazioni sensoriali (sordità, disturbi visivi);
  • Disturbo dello schema corporeo ;
  • Disturbi Emotivo Relazionali Affettivi;
  • Disturbi Del Linguaggio.

 

Il Massaggio del Bambino

E' un mezzo privilegiato per comunicare e stare in contatto con il proprio bambino,
un’esperienza che rafforza il legame e la relazione.
Recenti ricerche scientifiche confermano l’effetto positivo del massaggio
sullo sviluppo e sulla maturazione del bambino a diversi livelli.


A chi è rivolto?

A tutti i bambini da 0 a 12 mesi e ai loro genitori,
che possono partecipare ad una corso individuale o in piccoli gruppi , condotto da un insegnante A.I.M.I.
Il corso si compone di 5 incontri da un’ora e mezza circa l’uno, a cui sono invitati entrambi i genitori.


I Benefici:

  • Favorisce il legame di attaccamento e rafforza la relazione genitore-bambino
  • Fortifica e regolarizza il sistema circolatorio, respiratorio e muscolare
  • Favorisce lo sviluppo del Sistema Nervoso
  • Previene e dà sollievo dal disagio delle coliche gassose
  • Può rivelarsi un buon sostegno nei disturbi del ritmo sonno-veglia
  • Favorisce il rilassamento sia del bambino che del genitore

“Congiungi il tuo cuore a quello del tuo bambino.Toccalo con le mani, con gli occhi, con il cuore e lascia che si unisca al mondo che vive e respira” (Vimala McClure)

Dietista

Chi è il Dietista?

La legge lo definisce "l'operatore sanitario competente per tutte le attività finalizzate alla corretta applicazione dell'alimentazione e della nutrizione, compresi gli aspetti educativi e di collaborazione alla attuazione delle politiche alimentari" (Decreto Ministeriale 14/09/1994). In pratica il dietista è un professionista specializzato, che si occupa di promuovere e curare l'alimentazione e la nutrizione in situazioni fisiologiche e patologiche: dall'elaborazione di piani dietetici terapeutici personalizzati (su prescrizione medica attestante la diagnosi) alla stesura di menù per gruppi di sani o malati (ristorazione collettiva per mense e comunità) fino alla progettazione e alla realizzazione di attività didattiche, educative e informative.

 

Dietista non ci si improvvisa:

La sua è una professione altamente specializzata: per diventare dietista occorre conseguire laurea specifica: Laurea in Dietistica che è il titolo che abilita all'esercizio professionale. Successivamente è possibile continure con Laurea specialistica (per esercitare attività di elevata complessità), Master (corsi di approfondimento scientifico e di formazione permanente in ambiti specifici) e Dottorato di ricerca (per esercitare attività di ricerca presso Università e altri enti)

 

Il dietista per la salute e il benessere:

"L'uomo è ciò che mangia", diceva Feuerbach. In piena salute o ammalate che siano, le persone hanno bisogno di alimentarsi in maniera corretta, equilibrata e adeguata alle proprie esigenze: in una visione solistica, di benessere complessivo, il dietista è l'operatore sanitario che può aiutarle a trovare e ad attuare la soluzione che meglio si adatta alle loro esigenze alimentari e nutrizionale. Non è quindi necessario essere ammalati per rivolgersi ad un dietista. Ma se lo si è, il suo supporto è fondamentale.

 

Il dietista impegnato in ambito clinico:

Elabora infatti piani dietetici personalizzati per i pazienti, monitorandoli costantemente e adeguandoli in relazione all'andamento clinico. Naturalmente, il suo è un ruolo essenziale anche in presenza di disturbi del comportamento alimentare. In questi casi il trattamento multidisciplinare è quello con maggiori percentuali di successo: perciò il dietista definisce il piano alimentare terapeutico-riabilitativo, lavorando in sinergia con altre figure professionali.

 

Il dietista a servizio della comunità:

Al dietista è affidato un compito molto importante a servizio della comunità: quello di occuparsi in prima persona della qualità dei servizi di ristorazione collettiva. La sua consulenza è importantissima nella messa a punto dei menù proposti nelle mense scolastiche e aziendali, così come nelle comunità, negli ospedali e nelle cliniche. In tutti questi casi, il dietista collabora con i servizi di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione delle Aziende Sanitarie per la tutela dell'aspetto igienico sanitario. Ma non solo. Il dietista, infatti, studia ed elabora la composizione dei menù, in modo tale che essi soddisfino i fabbisogni nutrizionali di gruppi di persone sane o ammalate che siano.

 

Il dietista come educatore:

Prendersi cura del benessere delle persone significa anche far conoscere e diffondere i principi di un'alimentazione corretta. Nell'ambito della sua professione, quindi, il dietista svolge anche attività didattica, educativa e informativa, mirata a far prendere coscienza dell'importanza di "mangiare in maniera equilibrata".

In questo senso, come operatore sanitario, il dietista è direttamente coinvolto nella promozione della salute pubblica e il suo contributo è essenziale nella formulazione di politiche che permettano di sostenere e migliorare lo stato di salute dei cittadini, minimizzando i rischi derivanti da scelte nutrizionali poco corrette.

Tratto da: Brochure ANDID 2008 l'associazione di riferimento dei dietisti italiani

 

A chi si rivolge e quali sono i servizi?

Mi rivolgo a:

  • persone che vogliono MIGLIORARE IL PROPRIO STILE DI VITA, la qualità alimentare e vogliono mantenere il miglior stato di benessere;
  • persone con SOVRAPPESO o OBESITA’ per le quali sia necessario seguire un percorso finalizzato al raggiungimento e al mantenimento di un peso ragionevole e dei benefici ottenuti;
  • persone con PATOLOGIE o DISTURBI (diabete di tipo 1 o 2, ipertensione arteriosa, statosi epatica, colon irritabile, stipsi, meteorismo, calcolosi renale, insufficienza renale lieve, ecc..), per le quali sia importante il raggiungimento di un comportamento, una qualità e quantità alimentare corretti (coadiuvante della terapia farmacologica se presente);
  • MENOPAUSA e alterazioni fisiologiche o patologiche dello stato di salute (osteoporosi, sovrappeso...);
  • persone con CERTIFICATE ALLERGIE ALIMENTARI per cui risulti necessario un programma nutrizionalmente completo nonostante l'esclusione di uno o più alimenti;
  • persone con CERTIFICATE INTOLLERANZE ALIMENTARI per cui risulti necessario un programma di rotazione finalizzato alla sensibile riduzione o addirittura annullamento degli effetti collaterali causati dall'assunzione di uno o più alimenti o in cui debba essere esclusa totalmente la sostanza incriminata, come nel caso del glutine per la CELIACHIA o del lattosio per l’INTOLLERANZA AL LATTOSIO;
  • persone con STATI INFIAMMATORI DI INTOLLERANZA dovuti a particolari alimenti definiti ostili, rintracciabili attraverso indagini non scientificamente provate ma comunque in grado di rilevare la presenza reazioni avverse a questi alimenti;
  • BAMBINI E ADOLESCENTI in sovrappeso o obesità o che abbiano bisogno di un'educazione alimentare volta all'acquisizione di una propria sana identità nutrizionale;
  • GENITORI che necessitino di indicazioni mirate per poter gestire l'alimentazione dei propri figli nel modo più adeguato alla loro fase di crescita;
  • donne in GRAVIDANZA o in ALLATTAMENTO per garantire il giusto nutrimento a loro stesse e al bambino;
  • persone con sospetto o accertato DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE che necessitino dell'intervento di una figura specializzata per ritrovare il proprio equilibrio nutrizionale e comportamentale; inoltre, mi rivolgo ai genitori, ai familiari, ai fidanzati o agli amici di persone con sospetto o accertato Disturbo del Comportamento Alimentare che necessitino di consigli specialistici finalizzati non solo all'acquisizione delle principali informazioni legate al Disturbo in questione, ma anche ad avere suggerimenti relativamente a quale possa essere il più adeguato approccio nei confronti della persona cara che ne soffre;
  • persone che abbiano subito interventi di CHIRURGIA BARIATRICA (bendaggio gastrico, by-pass gastrico, diversione bilio-pancreatica, gastroplastica verticale) per grave obesità che necessitino di rieducazione alimentare;
  • NUCLEO FAMILIARE che voglia migliorare il proprio stile di vita, trovando una strada comune verso in benessere.

 

Servizi:

Ristorazione:

• preparazione di menù per la ristorazione collettiva;

• preparazione di menù per la ristorazione scolastica;

• preparazione di menù per la ristorazione ospedaliera.

 

Aziende:

Corsi di educazione alimentare elaborati in base alle necessità aziendali e al target di riferimento, i quali possono rientrare negli interventi di promozione della salute e del benessere del lavoratore (Welfare Aziendale), con beneficio per i lavoratori, i quali diventano destinatari del servizio e i datori di lavoro, i quali possono avere vantaggi sia fiscali che economici e benefici in termini di fidelizzazione dei dipendenti con incidenza sull’abbassamento del turn over, dei giorni di malattia e dei relativi costi.

Ristoranti, Bar, Self-Service, Gastronomie:

Questo servizio si pone l'obiettivo di migliorare la qualità dei piatti proposti, analizzando l'offerta corrente, apportando eventuali modifiche e includendo piatti salutari, che seguono la stagionalità e i prodotti locali, al fine di offrire un miglior servizio al cliente e incentivare la fidelizzazione.

Informazione:

• progetti di informazione alla salute alimentare e comportamentale;

• formazione scolastica di nutrizione;

• incontri di gruppo su varie tematiche legate a cibo, nutrizione e emozioni.

 

Collaborazioni:

L’unione fa la forza! Ogni figura professionale è specializzata in vari ambiti della salute umana, ed è per questo motivo che, con piacere, collaboro con altri professionisti come endocrinologi, psicologi, psichiatri, pediatri, medici di medicina generale… per offrire alla persona la cura a 360°.

Podologo

Chi è il podologo?

Il podologo è l'operatore sanitario che in possesso del diploma universitario abilitante, tratta direttamente, con metodi incruenti, ortesici e idromassoterapici, tutti gli stati algici e dolorosi del piede (Decreto Ministeriale 666 del 14/09/94). Il podologo può curare tutte le tipologie di piedi, da quello diabetico a quello reumatoide, cosi come il geriatrico e il pediatrico. Tramite una ricerca scientifica è stato dimostrato che il numero medio dei passi di una persona nell'arco di un'intera giornata sia di circa 6000 passi (negli sportivi molti di più), e pertanto si può dedurre come un benessere del distretto podalico si ripercuota su tutto l'organismo. Grazie ad una visita clinica accurata, con l'aiuto di una pedana baropodometrica, il Podologo può prescrivere e realizzare ortesi-plantari su misura (senza alcun bisogno di prescrizione medica) e solette di riprogrammazione posturale, utili a favorire una migliore deambulazione e a diminuire il dolore. Il podologo infatti non si limita ad osservare solamente il piede, ma analizza l'intero schema corporeo: spesso accade che dolori a livello superiore (per esempio ginocchia, anca, schiena) siano dovute ad una scorretta funzionalità dei piedi e ad un'alterata postura.

 

Cosa fa il podologo?

• Prevenzione, cura e riabilitazione delle deformità del piede (alluce valgo, alluce rigido, dita in griffe, dita a martello)

• Prevenzione e cura delle deformità ungueali (unghia dolente e inspessita, incarnita, micosi) e callosità dolenti

• Cura del piede diabetico,reumatoide, geriatrico e pediatrico

• Trattamenti ortesici del piede: ortesi digitali in silicone, progettazione e costruzione ortesi plantari

• Visita podologica

• Visita posturale

• Valutazione con pedana baropodometrica

• Podologia riabilitativa: rieducazione funzionale per distorsioni di caviglia, alluce valgo, dita a martello, etc

 

A chi è rivolto?

La valutazione podologica è importante in tutte le fasce di età: nei più giovani, per tutti gli ambiti sportivi e al fine di prevenire eventuali problematiche future, e nelle persone più anziane, per curare dolori già esistenti, migliorando le condizioni di vita quotidiana.

 

Perché andare dal podologo?

Il podologo è un professionista della Sanità, ed è capace di eseguire uno studio approfondito del piede, del cammino e della postura, tutti fattori di fondamentale importanza per il benessere psico-fisico della persona. Rivolgersi ad un esperto del settore è un gesto importante sia da un punto di vista preventivo sia in ottica riabilitativa: il podologo può aiutarti infatti ad evitare problematiche legate a piede e postura, ad alleviare il dolore, garantendo un sostegno specialistico anche in fase di riabilitazione.

CENTRO CLINICO DAS LUCCA | 1780, Viale Puccini - 55100 Lucca (LU) - Italia | P.I. 02318590466 | Cell. +39 327 5437083   - Cell. +39 338 7155433 | centroclinicodaslucca@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite